Usa e Cina e soprattutto quelli tra il presidente…

27 Dekabr 2018 15:41

Xəbər 129 dəfə oxunub

Si esaurisce in fretta il traino positivo di Wall Street per le Borse europee che intorno a metà mattinata sono in calo. Londra scende dello 0,84%, Francoforte cede l’1,07% e Milano lo 0,97%. Solo Parigi si mantiene poco sotto la parità.Ieri la piazza finanziaria Usa ha ampiamente recuperato i maxi ribassi messi a segno il giorno della Vigilia di Natale, realizzando la miglior seduta dal 2009 con il Dow Jones che ha guadagnato il 4,98% e il Nasdaq il 5,84%. Ad alimentare gli ottimismi anche il raffreddarsi delle tensioni commerciali Usa e Cina e soprattutto quelli tra il presidente americano Donald Trump e la Fed. Il posto di Powell è al sicuro “al 100%”, ha spiegato ieri Kevin Hasset, il presidente del consiglio degli advisor economici della Casa Bianca. Schiarite anche su Steven Mnuchin, il segretario al Tesoro su cui il tycoon avrebbe espresso dubbi negli ultimi giorni. Trump – ha spiegato Hasset- “è molto contento” di lui.Sulla sponda italiana lo spread risale leggermente in mattinata e poi si riappaia ai livelli di chiusura di venerdì nel primo test dopo il sofferto via libera al Senato della Manovra. La Legge di Bilancio torna oggi alla Camera ma appare scontato che il secondo semaforo verde dovrebbe arrivare senza ulteriori modifiche al testo. Il differenziale in mattinata sale a 264 punti dai 257 della chiusura di venerdì, con il rendimento del titolo decennale italiano al 2,88%.

Reklam

Maruggio ha una delle marine più belle di Puglia

Dopo i no alle trivellazioni in mare e allo sversamento dei rifiuti in mare, arriva il divieto di lanciare palloncini di gomma in occasione di feste e ricorrenze: quest'ultima iniziativa è stata tradotta in un'ordinanza dal Comune di Maruggio. Il sindaco Alfredo Longo spiega: "Con il provvedimento non vieto la vendita ma il lancio. I venditori di tali articoli - spiega - non dovranno far altro che munirli di un contrappeso, ad esempio un semplicissimo sacchetto di sabbia, di modo che essi non rappresentino più un pericolo per l’ambiente".Maruggio ha una delle marine più belle di Puglia, sul versante ionico in provincia di Taranto, e fa della difesa del mare una delle principali attività amministrative. "Fra i rifiuti che si trovano più frequentemente sulle spiagge - spiega Longo - vi sono proprio i frammenti dei palloncini in plastica o in gomma. Alcune carcasse di tartarughe marine raccolte sulle nostre spiagge presentavano all’interno dello stomaco gomma e plastica. Il motivo, presto detto: i palloncini, una volta sgonfiatisi e depositatisi sulla superficie marina, hanno le perfette sembianze delle meduse che rappresentano il cibo per diverse specie di pesci. Questo semplice accorgimento, se utilizzato su larga scala, eviterebbe che tonnellate di plastica finiscano in mare e siano poi ingerite dalle specie animali che lo abitano. Per questo sono particolarmente lieto di aver mosso un primo passo in questa direzione".

Dekabr 27, 2018 15:49

Usa e Cina e soprattutto quelli tra il presidente…

Si esaurisce in fretta il traino positivo di Wall Street per le Borse europee che intorno a metà mattinata sono in calo. Londra scende dello 0,84%, Francoforte cede l'1,07% e Milano lo 0,97%. Solo Parigi si mantiene poco sotto la parità.Ieri la piazza finanziaria Usa ha ampiamente recuperato i maxi ribassi messi a segno il giorno della Vigilia di Natale, realizzando la miglior seduta dal 2009 con il Dow Jones che ha guadagnato il 4,98% e il Nasdaq il 5,84%. Ad alimentare gli ottimismi anche il raffreddarsi delle tensioni commerciali Usa e Cina e soprattutto quelli tra il presidente americano Donald Trump e la Fed. Il posto di Powell è al sicuro "al 100%", ha spiegato ieri Kevin Hasset, il presidente del consiglio degli advisor economici della Casa Bianca. Schiarite anche su Steven Mnuchin, il segretario al Tesoro su cui il tycoon avrebbe espresso dubbi negli ultimi giorni. Trump - ha spiegato Hasset- "è molto contento" di lui.Sulla sponda italiana lo spread risale leggermente in mattinata e poi si riappaia ai livelli di chiusura di venerdì nel primo test dopo il sofferto via libera al Senato della Manovra. La Legge di Bilancio torna oggi alla Camera ma appare scontato che il secondo semaforo verde dovrebbe arrivare senza ulteriori modifiche al testo. Il differenziale in mattinata sale a 264 punti dai 257 della chiusura di venerdì, con il rendimento del titolo decennale italiano al 2,88%.

Dekabr 27, 2018 15:41

Per anni la loro sfida ha appassionato i tifosi

La Pulce parla dell'addio alla Liga del portoghese: "Nel periodo in cui eravamo nello stesso campionato, cercando di vincere ognuno con la propria squadra, entrambi volevamo migliorare noi stessi". Poi chiama Guardiola: "Per quanto sia difficile, mi piacerebbe lavorare con lui ancora una volta".Per anni la loro sfida ha appassionato i tifosi, ora che Cristiano Ronaldo ha lasciato la Spagna per accasarsi alla Juventus, Lionel Messi sente la mancanza del suo rivale. "Nel periodo in cui eravamo nello stesso campionato - ammette la stella del Barcellona in un'intervista a Marca -, cercando di vincere ognuno con la propria squadra, è stato molto bello"."E' stata una rivalità molto sana - prosegue la Pulce - in cui entrambi volevamo migliorare noi stessi. Ed è stato buono per gli spettatori. Se manca al Real? All'inizio della stagione ho già detto che il Real Madrid è un grande club, uno dei migliori al mondo, e con molti giocatori, ma Cristiano sarebbe mancato a qualsiasi squadra in cui fosse stato e se ne fosse andato. La Juve ha fatto un gran colpo e con lui è tra le favorite alla vittoria in Champions".Il sogno, però, è quello di poter lavorare ancora una volta con Pep Guardiola. "Per quanto sia difficile, mi piacerebbe lavorare con lui ancora una volta. E' uno dei migliori allenatori del mondo. Per questo mi piacerebbe, anche se capisco che sia complicato".Nessuna stocca, però, all'attuale tecnico blaugrana Valverde: Siamo tornati al 4-3-3. Con il 4-4-2 abbiamo lasciato pochi spazi ed è stato più difficile segnarci. Ma ci sentiamo a nostro agio con la palla. è quello che abbiamo sempre fatto. Nelle ultime partite la squadra è migliorata anche difensivamente".

Dekabr 27, 2018 15:21

Un’arma in più per la Juventus nella corsa

Con Matuidi fuori gioco per un mesetto, Allegri deve ritoccare il centrocampo della Juventus. Resta ancora un piccolo dubbio per Khedira, ma il tecnico bianconero ha appena avuto la conferma che Marchisio è tornato al meglio della forma e della condizione. Il recupero di Khedira, Barzagli e Rugani procede spedito, destano preoccupazione le condizioni di Douglas Costa, ancora in corsa per scendere in campo venerdì nella trasferta di Firenze ma le cui possibilità diminuiscono ora dopo ora. Il recupero di Marchisio è una delle note liete: "Sono di nuovo a disposizione dell'allenatore - il proclama del centrocampista della Juventus, tornato in campo domenica contro il Sassuolo -, ora mi sento bene anche se non giocavo da un mesetto". Un'arma in più per la Juventus nella corsa "al settimo scudetto - prosegue Marchisio uno dei tre obiettivi della stagione che vogliamo raggiungere". Sarà lotta fino all'ultimo, concorda il 'Principino' bianconero con il Napoli, "che ha cambiato pochissimo in questi anni ed è cresciuto molto in termini di esperienza e fiducia". Questo il motivo principale del "campionato davvero importante che stanno facendo, sappiamo che non sarà facile ma il distacco è minimo e le cose possono cambiare da un momento all'altro". Nonostante la testa dei calciatori bianconeri sia proiettata alla sfida di venerdì con la Fiorentina, seguita dal match con il Tottenham e dal derby con il Torino, al centro dei pensieri dei compagni c'è sempre Gigi Buffon, in bilico tra l'addio a fine stagione o un altro anno ancora di attività agonistica: "L'infortunio non ci voleva e non si aspettava che fosse così lungo ma è tornato subito benissimo - la testimonianza di Marchisio -. Per quanto riguarda il futuro, ognuno di noi deve valutare da solo, come è giusto che sia". Non è dello stesso parere il secondo di Buffon, il portiere polacco Szczesny, che si permette anche di dare un consiglio scherzoso al suo capitano: "Spero possa continuare, ma un altro anno…". Tra il serio e il faceto, Szczesny ha speso parole al miele per Buffon, "uomo incredibile oltre che un grandissimo portiere, un grande amico per tutti, una persona a cui tutti vogliono bene. Giocare con lui è un'esperienza fantastica".

Fevral 7, 2018 15:37

Prosegue il crollo del Bitcoin…

Inarrestabile il crollo del Bitcoin sui mercati delle criptovalute. La principale moneta digitale scende anche sotto la soglia dei 6.000 dollari a 5.920 dollari sulla piattaforma lussemburghese Bitstamp, segnando una perdita del 13% ed aggiornando i minimi da novembre.Giù anche le altre valute digitali Ripple, Ether e Litecoin che lasciano sul terreno almeno l'11%. A dare un ulteriore colpo alle criptovalute sono indiscrezioni di stampa secondo cui i vertici della Sec, l'organo di vigilanza delle Borsa Usa, e della Commodity Futures Trading Commission chiederanno al Congresso americano di prendere in considerazione l'ipotesi di un controllo a livello federale delle piattaforme per gli scambi di criptovalute. Oggi, secondo quanto riferisce Bloomberg, i presidenti della Sec e della Commodity Futures Trading Commission saranno in audizione alla Commissione banche del Senato Usa per discutere di criptovalute.ALTOLA' DA TESORO USA E BANCHE CENTRALI Il Tesoro americano è preoccupato dal fatto che le criptovalute siano usate da molti come un investimento: è necessario assicurarsi che le valute digitali come il Bitcoin non siano usate per spostare denaro per i ''cattivi'', ovvero per frodi e riciclaggio. Lo afferma il segretario al Tesoro americano, Steve Mnuchin, in un'audizione in Congresso "Il Bitcoin è la combinazione di una bolla, uno schema Ponzi ed un disastro ambientale". Lo ha detto il direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali, Agustin Carstens, in un convegno a Francoforte a cui partecipa anche il presidente della Bundesbank ed esponente della Bce, Jens Weidmann, sollecitando quindi le banche centrali ad "intervenire" per arginarne i "rischi" ed "evitare che diventi una minaccia per la stabilità finanziaria".  

Fevral 7, 2018 15:23

Storia di una legislatura

La legislatura numero diciassette è nata nell'incertezza e finisce in un'incertezza ancora maggiore. Ci sono stati il complotto dei 101, la rottamazione di Letta, i mille giorni di Renzi, la rielezione di Napolitano, l'arrivo di Mattarella, la bocciatura dell'Italicum e la sconfitta del referendum. Una legislatura movimentata, che però è arrivata fino alla fine. La sua storia parte con una sorpresa, che per il Pd è una doccia fredda. Gli elettori, fregandosene dei sondaggi, non fanno vincere Pier Luigi Bersani e premiano gli outsider grillini, entrati alla Camera e al Senato al grido di "apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno".Lo schiaffo dei grillini a Bersani, in diretta streaming, fa partire il quinquennio sotto cattivi auspici, che diventano pessimi quando i 101 franchi tiratori (la cui identità è ancora oggi misteriosa) negano l'elezione di Romano Prodi al Quirinale. In quei giorni di aprile del 2013 sembra che la legislatura sarà stata soffocata nella culla. Ma le cose vanno diversamente: il Pd e Forza Italia trovano un accordo per rieleggere Napolitano al Quirinale, e i giochi possono partire. A Palazzo Chigi il 28 aprile 2013 arriva Enrico Letta, con il suo governo sostenuto da centrodestra e centrosinistra.Letta però governa neanche un anno: ha l'appoggio trasversale di Bersani, di Berlusconi, di Mario Monti. L'opposizione dei 5 stelle è dura e senza sconti ma non impensierisce il giovane premier. E Renzi è ancora acquattato ad aspettare il suo momento. Le cose cambiano quando Berlusconi (siamo ad agosto) viene condannato per frode fiscale: i ministri di Forza Italia se ne vanno, la maggioranza, tenuta in piedi da Alfano, diventa più risicata. Poi Renzi vince le primarie e dà la mazzata finale: dopo l'ormai celebre #Enricostaisereneo sfiducia il governo e si fa dare il campanello da premier dal "rottamato" Letta.  

Fevral 7, 2018 15:14

Nuova lite Berlusconi-Salvini…

Nuova lite Berlusconi-Salvini. Questa volta il pomo della discordia è l'ipotesi di 'condono' avanzata dal Cav. "Bisogna cambiare le regole: chi deve costruire una casa o aprire un'attività commerciale - dice il Cav a Radio 24 - non dovrà più aspettare anni per permessi e licenze. Dovrà dichiarare l'inizio dell'attività e assumersi la responsabilità di rispettare le leggi. Solo dopo verranno i controlli". A chi gli chiede se si tratti di un condono, l'ex premier risponde: "Chiamatelo come volete, l'importante è che si cambino queste regole attuali"."Rilanciare l'edilizia è fondamentale - replica a stretto gio Matteo Salvini - togliendo burocrazia e tagliando tasse folli come l'Imu su capannoni e negozi sfitti. Bisogna anche bloccare le aste giudiziarie al ribasso, che falsano il mercato. Ma dico no, dico fortemente no, a ogni ipotesi di condono per abusi edilizi: il nostro territorio è già troppo cementificato, occorre abbattere tutte le costruzioni abusive, a partire dalle zone più a rischio". Berlusconi è intervenuto anche sull'ipotesi di una manifestazione anti-inciucio. "Fare manifestazioni di questo genere - ha detto - sarebbe molto dannoso, darebbe l'impressione ai nostri elettori che ci sia la possibilità di accordi con la sinistra, che non c'è. Che senso ha fare una manifestazione su una cosa chiarissima? ". E ancora. "Il Pd sta al 21%, M5s al 27, il centrodestra attorno al 39,40%: solo noi possiamo assicurare una maggioranza di governo. Io dico no a nessun altro governo che non esca dalle urne". L'ex premier ha quindi chiuso alla manifestazione anti-inciucio proposta da Giorgia Meloni.

Fevral 7, 2018 15:09

Tra il 2000 e il 2015 ci sono stati circa 250.000 casi di matrimoni di minori

Sherry Johnson - si legge sul blog Strisciarossa - aveva 11 anni quando sua madre le chiese se avrebbe voluto sposarsi. Non che la risposta importasse, la decisione era già stata presa. Sherry doveva sposarsi, lo avevano deciso gli anziani della chiesa Pentecostale che la sua famiglia frequentava. Il suo stupratore, di nove anni maggiore di lei, sarebbe diventato suo marito ed ogni cosa sarebbe tornata al suo posto. Nessuno avrebbe più indagato, sua figlia – nata quando Sherry aveva appena 10 anni – avrebbe avuto il nome del padre. Tutto sarebbe tornato a posto. Tranne la sua vita.La sua storia non arriva dalle lande più oscure del pianeta. E’ accaduta negli Usa, paese che pure difende nei consessi internazionali il diritto delle bambine ad essere tali, e non spose prima del tempo. Sherry è una delle tante. Tra il 2000 e il 2015 ci sono stati circa 250.000 casi di matrimoni di minori, secondo le stime di Unchained at last, l’organizzazione che si batte perché vengano introdotte leggi specifiche. Oggi negli Usa le spose bambine sono di fatto un fenomeno legale. In 25 Stati non sono esplicitati limiti d’età per le nozze. In quasi tutti gli altri è possibile a 13-14 anni e sono previste alcune condizioni, come il consenso dei genitori o in caso di gravidanza. Solo l’anno scorso la Virginia – dove era possibile sposarsi anche a meno di 13 anni – ha alzato il limite a 16 e prevede il consenso del minore, verificato da un giudice. Anche il Connecticut, il Texas e lo stato di New York hanno introdotto norme più restrittive. Ma ci sono ancora grandi resistenze. In New Jersey, il governatore Chris Christie ha respinto una legge che avrebbe bandito il matrimonio di minori sostenendo che sarebbe andato contro le consuetudini religiose. In New Hampshire è accaduto lo stesso, quando su iniziativa di una ragazzina degli scout è stata avanzata una proposta analoga.  

Oktyabr 30, 2017 15:57

Aspetto l’opportunità giusta Il Milan?

Smaltita la rabbia e la delusione per l'esonero col Bayern Monaco, Carlo Ancelotti è pronto a rimettersi in pista. "Per me è giusto guardare avanti - confessa ai microfoni di "Radio Anch'io Sport" su RadioUno - e prendermi tempo per guardare il calcio da spettatore, con interesse e cercare un'altra opportunità in futuro, non adesso".Il tecnico analizza anche gli aspetti che hanno portato allesonero in Germania. "Forse la società non credeva più nel lavoro che facevo e hanno deciso di cambiare - racconta il tecnico di Reggiolo - Ma sono 20 anni che faccio questo mestiere e sono entrato nell'ordine delle idee che fa parte del gioco, le grandi società sono legate ai risultati e quando i risultati tentennano un po'... Ancelotti non esprime preferenze. "La Premier sotto certi aspetti è interessante, c'è una bella atmosfera negli stadi, ma anche in Germania siamo avanti sotto questo punto di vista. Non ho idea di quale possa essere la soluzione migliore. Io mi vedo bene su ogni panchina. A me piace il calcio, mi piace allenare e finché ho questa passione, qualsiasi panchina va bene".Chissà che Ancelotti non torni in Italia anche se per il momento si limita a fare lo spettatore. Il Napoli gioca bene a calcio e c'è la bravura di Sarri combinata a un appoggio costante della società e del suo presidente". Ma Ancelotti trova tutto "il campionato italiano molto competitivo e molto interessante. C'è anche l'Inter che ha il vantaggio di non giocare le coppe per cui Spalletti ha la possibilità di lavorare tutta la settimana per trasmettere le sue idee.

Oktyabr 30, 2017 15:42